Itinerari

  

Itinerario Casa Pasquale (durata 2.30- 3.00 h)        difficoltà bassa

Quest’itinerario conduce al Convento, risalente al secolo XIII, nel quale i monaci del Convento di S. Marco di Cotronei si trasferivano nel periodo di Pasqua, da cui il nome della località “Casa Pasquale”. Una delle mete dell’itinerario sarà la condotta forzata ENEL, in località “Camera Valvole”, da dove si possono ammirare il laghetto di Orichella, la vallata del fiume Neto ed il mare.

 

Casa_Pasquale

 

 

 

 

 

 

Chiesa degli Ardorini, Percorso Ghiesiola (Durata 4h / 4,30 h circa) difficoltà media

 

Si esplorano i misteriosi tratti di bosco lungo la stradella di Pollitrea, immersi in una natura silenziosa che talvolta assume toni fiabeschi, nella quale si può osservare una fauna variegata, tra scoiattoli, rapaci, caprioli, e, se si è fortunati, anche lupi, leggendari dominatori dell’altopiano. Si giunge ad una radura da dove è possibile ammirare l’artistico Crocifisso in bronzo tra i resti dell’antica Torre Brasiliana, dimora estiva dei monaci della Sanduca di Altilia. Tra il giallo degli alberi da frutta, come la susina, ed il rosso degli alberi di mele, ormai ritornati selvatici, è possibile scorgere numerose piante di rosa canina, una piccola rosa dai colori molto tenui e dalle preziose bacche rosse, ed ancora la- sciarsi inebriare dal profumo del pino laricio e dal verde vivo della  felce aquilina.

 

 

 

 

 

 

 

Escursione al promontorio di “Zingomarru”  (Durata 2,30 h / 3 h) difficoltà media

 

Dalla cima del promontorio si apre un panorama affascinante: a nord-ovest la Sila Grande con ben evidente la Val Di Neto e San Giovanni In Fiore; a Sud la Sila Piccola e il meraviglioso lago Ampollino; ad est il litorale ionico. E’ un continuo susseguirsi di vallate e pianure, percorsi da fiumiciattoli che accompagnano il nostro sguardo fino ad arrivare al mare. Ai partecipanti, per poter godere dei panorami mozzafiato, si consiglia di portare con sé un binocolo.

 

 

 

 

 

 

 

TAVOLA PARATA (Durata 5h / 6 h) difficoltà alta

Il luogo prende il nome da un grosso masso piatto di forma quasi circolare, situato su un pianoro a ridosso del Monte Femminamorta.  La leggenda narra che qui i Briganti erano soliti riunirsi dopo ogni scorribanda per dividersi il bottino. E, come in un rito, allestivano il masso quasi fosse una tavola imbandita “parata” con la refurtiva prima di procedere alla spartizione.

 

(N.B. E' consigliabile percorrere in macchina i primi 10 km circa)

 

 

 

 

 

 

Grotte del brigante (Durata 5h / 6 h) difficoltà alta

La grotta del Brigante si trova in una zona impervia vicino alle prese del fiume Tacina; questa grotta naturale, composta da due stanze unite da uno stretto cunicolo, è chiamata così poiché fu la dimora del Brigante Vito , uomo rude ed efferato, che per sfuggire alla giustizia vi era solito nascondersi. Il luogo, con le sue suggestioni, conserva ancora oggi le tracce del passaggio dei Briganti, i cui nomi permangono incisi sulla corteccia di maestosi faggi antistanti l’accesso alla cavità.

 

(N.B. In macchina si devono prima percorrere 10 km circa)

  

 

 

 

 
 
  MAMMA GIUSEPPINA (Durata 5h / 6h) difficoltà alta

 Si possono visitare le tre croci di mamma Giuseppina le quali ricordano una madre che si sacrificò nel vano      tentativo di salvare i tre figli dalle fiamme che avevano invaso la baracca di legno in cui abitavano.

 


Richiesta